Allievi 2002: ancora un’amara sconfitta a Colorno

Allievi REG. 2018_19

2° andata (20 Gen. 2019):  COLORNO – FORMIGINE   4 – 2

La gara di Colorno ha rispecchiato in modo impressionante (quasi diabolico …) quella precedente persa sette giorni prima al Pincelli, come appare evidente anche dai cenni di cronaca: stessa buona prestazione (almeno nella prima ora di gioco), stesso risultato, stesso andamento. Purtroppo altre analogie si registrano nelle occasioni da goal non concretizzate e soprattutto nel numero di goal subiti; senza sottovalutare la caratura delle avversarie, otto reti al passivo in due gare sono davvero tante, specialmente per questa squadra, nel recente passato abituata a subire pochissime reti (solo cinque nella fase provinciale, comprese le tre “atipiche” incassate nella quasi fatal Fiorano).
Dal punto di vista del gioco, però, la squadra è per gran parte piaciuta, ed è con la consapevolezza di “saper far bene” che i ragazzi verdeblu devono affrontare i prossimi impegni … i risultati poi prima o poi verranno.


Tabellino 

COLORNO
4

FORMIGINE
2

           07′ pt Lattuca
           44′ pt Lattuca (rig)
           21′ st Ferrari
           30′ st Lattuca
           03‘ pt Cavani
           24′ pt Bursi
In campo
1 Lionti    83′ Al. Benati 1
2 Rosi 79′   Tardini 2
3 Merli    82′ 48′   Leka 3
4 Violi Boschetti 4
5 Ferri Marino 5
6 Ballarini Esposito 6
7 Vona    49′ Cavani 7
8 Ferrari    78′ An. Benati 8
9 Belfanti    69′ Puska 9
10 Lattuca    79′ Bursi 10
11 Yener    65′ 11′   Militi 11
A disposizione
12 Binaschi    83′ Morandi 12
13 Biacca    82′ 48′   Baracchi 13
14 Allodi    78′ Fantozzi 14
15 Bertolotti    79′ 79′   Mancini 15
16 Bodgan    49′ 53′   Makdouli 16
17 Herman    65′ Bellucci 17
18 Dabre    69′ 18
Allenatore
Nicola Vito Colaianni Francesco Napolitano
Arbitro
Sig. Pablo Barbato di Parma
Note
Mattinata fredda, terreno sintetico, spettatori 50 circa.

 Cenni di cronaca

1° tempo

  • 02′  Icona AC Formigine  Punizione dal limite calciata da Bursi, sfera alta di poco sulla traversa.
  • 03′  Icona AC Formigine    Il Formigine passa in vantaggio grazie a Cavani, che controlla e dal limite del vertice sinistro dell’area di rigore – d’esterno – calcia a spiovere nel sette sul secondo palo, tiro imparabile per il il portiere del Colorno. 0 – 1.
  • 07′ Colorno    Dopo pochi minuti Lattuca (alla fine sarà autore di una tripletta) pareggia concretizzando al meglio una ripartenza della squadra di casa: 1 – 1.
  • 17′  Icona AC Formigine  Tiro dal limite di Boschetti diretto nell’angolino basso, il portiere Lionti ci arriva con la punta dei guanti e devia in corner.
  • 20′  Icona AC Formigine  Cross dalla sinistra di Leka, Boschetti colpisce ditesta intuffo ed è di nuovo Lionti a negargli la rete.
  • 24′  Icona AC Formigine    Azione fotocopia a quella di 7 giorni fa al Pincelli in occasione del 2° goal: punizione dalla destra di Benati e Bursi che sale in terzo tempo e di testa insacca: 1 – 2.
  • 44′ Colorno    A recupero ampiamente scaduto (il direttore di gara aveva concesso un solo minuto), su una punizione calciata dal Colorno dalla zona della bandierina di destra, una sorta di corner-corto, l’arbitro fischia il classico fallo … di  confusione e decreta il rigore; proteste e rimostranze (diversi cartellini gialli sventolati per l’occasione) non fanno desistere l’arbitro dal proprio proposito; batte Lattuca e la gara torna in parità: 2 – 2.

2° tempo

  • 16′  Icona AC Formigine  Altra azione curiosamente analoga a quella del turno precedente contro lo Zola: Pusca si scrolla di dosso un paio di avversari e, al momento di tirare, cerca l’ulteriore dribbling che consente al portiere locale di intervenire e sventare il pericolo.
  • 21′ Colorno    I fantasmi del recente passato (il riferimento è ancora una volta al match contro lo Zola Predosa) ritornano anche sul terzo gol del Colorno, siglato di testa dal n° 8 Ferrari, che – su corner dalla sinistra – al centro dell’area di rigore, colpisce quasi indisturbato di testa battendo per la terza volta Benati: 3 – 2.
  • 30′ Colorno    Il solito Lattuca (tripletta per lui … anche contro lo Zola tre delle quattro reti avversarie portavano la stessa firma) corona la sua grande giornata con una rete di pregevole fattura in semi-girata dal limite dell’area: 4 – 2.

Minuti finali caratterizzati dalla girandola di sostituzioni che frazionano il gioco e non consentono nuove azioni di rilievo, con le squadre che – forse stanche a causa del ritmo incalzante che ha caratterizato gran parte della gara – attendono il triplice fischio finale senza ulteriori acuti degni di menzione.


Gallery