Con il Luzzara, squadra fisica e rocciosa, termina senza reti

Promozione 2016_17

6° ritorno (11 Feb. 2018):  FORMIGINE – LUZZARA   0 – 0

Formigine e Luzzara hanno dato vita a una partita decisamente combattuta sotto l’aspetto fisico e dai contenuti agonistici elevati, caratteristiche, queste, indubbiamente più gradite alla rocciosa compagine reggiana che ha badato al sodo, ha lottato su ogni pallone e, tutto sommato, ha finito col meritare la spartizione della posta. Il Formigine ha dovuto accettare questa vigorosa tipologia di gioco, lo ha fatto lodevolmente in entrambe le frazioni di gioco, tuttavia senza ottenere alcun risultato concreto, anche se un po’ di rammarico rimane per le due succose occasioni da rete fallite da Notari (non certo per suo demerito) nel corso della ripresa.
Decisamente spiacevole, invece, risulta l’espulsione di Sarnelli nei minuti di recupero, espulsione atipica (sembra per proteste, ma dai contorni ancora da definire) che nel prossimo turno priverà la squadra del contributo del suo capitano, per la prima volta in questo campionato.


Tabellino 

FORMIGINE
0

LUZZARA
0

In campo
1 N. Simoni  Bonfante 1
2 Casini  Curini 2
3 Montipò    63′ 48′   Masetti 3
4 Messori 29′  ▊ Scappi 4
5 Shehu 42′  ▊ Zendeli 5
6 Sghedoni  ▊ 88′  Daolio 6
7 Pilia 46′   Parmigiani 7
8 A. Migliorini    68′ Carlini 8
9 Notari  Borghi 9
10 Sarnelli   91′ 78′   Nunziata 10
11 Capasso    83′ 78′   Michelini 11
In panchina
12 Toni   Giovannini 12
13 Adani  48′   Muto 13
14 Stefani  78′   Bellini 14
15 Lucchi    83′ Medici 15
16 Ruini   Gozzi 16
17 Giovani    63′ 81′  ▊46′   Tenaglia 17
18 Carrozza    68′ 78′   Gianferrari 18
Allenatore
Davide Balugani Carlo Glielmi
Arbitro
Sig. Nicolo Selleri di Bologna
Note
Pomeriggio soleggiato, terreno soffice, spettatori 70 circa.

 Cronaca

1° tempo

  • 10′  luzzara  Sugli sviluppi di un calcio d’angolo dalla destra, improvviso destro in controbalzo del reggiano Borghi: conclusione potente ma abbondantemente alta.
  • 13′  Icona AC Formigine  Efficace percussione di Pilia sulla sinistra, invitante traversone sottoporta che trova il giovane Capasso in leggerissimo ritardo.
  • 20′  luzzara  Ancora una potente conclusione della compagine ospite, questa volte operata da Parmigiani con palla che sibila mezzo metro oltre la traversa.
  • 27′  Icona AC Formigine  Su lunga parabola di Shehu su calcio piazzato dalla distanza, Daolio disimpegna di testa a ritroso verso il proprio portiere mentre questi stava uscendo; momento di apprensione ma l’estremo reggiano riesce a recuperare in extremis la posizione e il pallone.
  • 44′  Icona AC Formigine  Montipò, in azione offensiva sulla sinistra, opera un dosato cross con pallone che scavalca i giocatori posizionati sottoporta e viene impattato al volo, appena oltre il secondo palo, da Messori: pallone potente e ben indirizzato ma che trova la schiena di un difensore e termina solo in angolo.

2° tempo

  • 12′  Icona AC Formigine  Una palla radente proveniente dalla destra viene mancata da Capasso, ma dietro di lui trova la l’impatto sottomisura di Notari, anche se attutito da un difensore in contrasto, poi la decisiva deviazione finale in angolo del portiere Bonfante, in tuffo sul suo palo di sinistra.
  • 31′  Icona AC Formigine  Seconda occasione, ancor più nitida della precedente, ed ancora tra i piedi di Notari che, su un filtrante verticale in area, si allunga in scivolata in anticipo sul portiere in uscita: il pallone viaggia lento e inesorabile verso la specchio incustodito ma termina beffardamente sul fondo a pochi centimetri dal palo di sinistra della porta reggiana.
  • 46′     Finale di gara piuttosto convulso, con entrambe le squadre che danno fondo alle residue energie cercando il colpo del ko e con i toni agonistici che si intensificano ancor più, assieme al nervosismo: a farne le spese è il cap. formiginese Sarnelli che prima si lamenta (con toni del tutto moderati) sulla mancata concessione di un calcio d’angolo, poi entra in una nociva disputa verbale con l’allenatore della squadra avversaria e, presumibilmente per una parola di troppo, viene espulso dall’arbitro.

Gallery